GAMING
Stai leggendo
The Shapeshifting Detective – Recensione
Approvato

The Shapeshifting Detective è il nuovo gioco FMV, dei gallesi Wales Interactive, in cui saremo chiamati a indagare sull’omicidio della violoncellista Dorota Shaw. Pronti per la recensione? 

Il ritorno dei FMV

Quando, nel 2014, recensimmo il bel Tesla Effects fummo obbligati a fare mente locale per richiamare i giochi FMV di successo degli anni ’90. E proprio Tesla Effect deve aver ispirato e spinto diversi esploratori verso il full motion video. Tra formati compressi che garantisco un’ottima qualità e il costo non esoso delle attrezzature, i limiti individuati tra la fine degli anni ’90 e inizi del 2000 sono stati ampiamente superati. E poi questo genere PIACE! Lo hanno dimostrato il citato Tesla Effect e il consigliatissimo Contradiction – Spot The Liar!.

The Shapeshifting Detective

The Shapeshifting Detective: Trama

Come tutti i giochi FMV, bisogna evitare di sbottonarsi troppo con la trama perché il titolo può durare 2 ore come può durarne 5 e lo spoiler è sempre dietro l’angolo. Una morte misteriosa sconvolge un piccolo paese di provincia e il protagonista sarà inviato lì per aiutare l’ispettore (interpretato da Rupert Booth, già brillante in Contradiction) a dipanare la matassa. Alcuni ragazzi avevano avvisato l’ispettore che la Shaw era in pericolo, e l’avevano saputo da un particolare mazzo di tarocchi.

Recitazione, ambiente, immersione

The Shapeshifting Detective

Rupert Booth bravo come sempre, brillante Aislinn De’ath (Violet). Nicholas Pople, nel ruolo di Rayne, non ci è piaciuto nemmeno un po’! E poi era così truccato da rendere ridicola ogni scena. Dagli altri una prestazione sufficiente, con scene ben recitate e alcune stecche. Gli ambienti sono tutti chiusi: camere della pensione e scorci di stanze per quelli fuori dalla pensione. Mentre leggiamo le domande e riflettiamo, passano quasi sempre spezzoni video che riprendono in primo piano l’interlocutore o dettagli dell’interlocutore. Questo favorisce l’immersione, rendendo i personaggi vivi. Meno immersive le bretelle Gucci su un ispettore di polizia.

Gameplay

The Shapeshifting Detective


The Shapeshifting Detective è diviso in capitoli e alla fine di ogni capitolo si potrà scegliere se passare al prossimo o se restare in quello corrente per verificare qualche dialogo tralasciato. 
Da esplorare non c’è nulla e ci limiteremo a interagire con i nove protagonisti. La particolarità, rispetto al solito selezionare una delle frasi proposte, è che potremo scartarne alcune. Suona noioso? Non lo è, perché “shapeshifting” sta per “mutaforma” e siamo noi il mutaforma! Potremo infatti impersonare uno dei protagonisti e tornare dagli altri per ottenere quella risposta o quella reazione che non avremmo mai avuto di persona.
Manca un riassunto scritto, per conoscere i nostri progressi bisogna andare dall’ispettore e chiedere a lui il punto della situazione.

Longevità

La voglia di girarsi tutti i personaggi renderà abbastanza lunga la nostra prima corsa (circa 4 ore). Per le successive, gli sviluppatori hanno dato ascolto ai giocatori inserendo il tasto “skip”. C’è però il problema di non sapere di preciso cosa abbiamo saltato, perché i sottotitoli precedenti non restano impressi. Inoltre le location non vengono grigiate quando, di fatto, non è possibile interagire. Quindi ci troveremo il filmato della stanza vuota o del soggetto in questione e dovremo tornare indietro, perdendo tempo. 
Gli assassini potenziali sono tre e quello vero è casuale. 

Noi lo abbiamo giocato 3 volte e, pur avendo apprezzato le piccole sfumature che 1600 video FHD sanno offrire, abbiamo beccato sempre lo stesso assassino. Inoltre eravamo, e siamo rimasti, curiosi di conoscere la nostra storia, perché è proprio il protagonista a essere il più misterioso di tutti.

Conclusioni

The Shapeshifting Detective costa 10,99 su Steam e intorno ai 7 su G2A. Rispetto ad altri FMV è più film che gioco, però questo non lo rende qualcosa di passivo perché le scelte hanno un’influenza palpabile e si è fortissimamente spinti a fare almeno una seconda corsa. Per farne di più, probabilmente, sarebbero servite più opzioni di dialogo e qualche svolta. Durante i nostri gameplay il gioco è andato in crash 4 volte (senza conseguenze, salva di continuo)

The Shapeshifting Detective
Dettagli
Requisiti di sistema

Sistema operativo: Windows 7 64-bit
Processore: Intel i5-4590 / AMD FX 8350 equivalent or greater
Memoria: 2 GB di RAM
Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 260 / AMD Radeon HD 5750. OpenGL 3.3
DirectX: Versione 11
Memoria: 6 GB di spazio disponibile

Sistema operativo: OS X 10.9 64-bit
Processore: Core i3 2.4Ghz
Memoria: 2 GB di RAM
Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 260 / AMD Radeon HD 5750. OpenGL 3.3
Memoria: 6 GB di spazio disponibile

Giudizio
Voto
Voto Rapido
75%
75%
Voto
Hai votato