Categorie
Caffè?

Dolce Gusto Nescafé De’Longhi Genio S Plus | Recensione macchina caffè

Altra macchina per il caffè, altro giro! È il turno della recensione della Dolce Gusto Nescafé De’Longhi Genio S Plus Conte Marchese Rita Maria, per gli amici: “la Dolce Gusto”.

Pensata soprattutto per le bevande, usiamo la Genio S Plus da circa sei mesi e i tempi sono maturi per parlarne a fondo.

Indice

Cosa c’è nella scatola?

Il pacco Amazon non è bello se non è ammaccatello ♥

Tra le poche certezze nella vita di oggi c’è l’impossibilità di ricevere una confezione integra; almeno non con Amazon. Per fortuna ci siamo ricordati di selezionare l’opzione regalo e così, ricevendola all’interno di un sacchetto, ci siamo risparmiati la fatica di dover togliere le etichette.

Aspetta un attimo! Sacchetto???

Sacchetto! Avevano finito la scatole. Chissà! Nel sacchetto troviamo direttamente la confezione originale.

La grafica della confezione valorizza bene la macchina, rappresentandola da tutte le angolazioni e riportando le funzioni principali.

Aperta la confezione, ecco sua maestà, con tanto di corona!

La Genio S Plus è ben protetta tra sagomato di cartone compresso e velo antigraffio. È un confezionamento idoneo alla vendita online, difficilmente arriverà rotta.

Pur avendola acquistata su Amazon Italia, la versione pervenuta è spagnola. Hola!

Insieme alla guida rapida, fatta molto bene, si trova una cartelletta contenente le informazioni della raccolta punti Dolce Gusto (ne parleremo nello speciale sulle capsule). Quanto siano studiate bene le istruzioni potete controllarlo subito, scaricando il manuale dal sito ufficiale.

Con la macchinetta non sono compresi set di degustazione.

Inoltre le macchinette prese su Amazon non danno diritto al buono sconto di 20€ per l’acquisto di capsule sul sito ufficiale.

Qualità costruttiva

Esternamente la Genio S Plus è interamente in plastica, salvo la griglia dello sgocciolatoio che è in acciaio.

Il serbatoio è di plastica trasparente, resistente, con coperchio totalmente removibile. Il serbatoio si aggancia alla macchina attraverso un perno bello grosso, non i soliti dentini delicati visti in altre macchinette.

A preoccupare è la leva della Dolce Gusto: uno sportello totalmente in plastica e non molto rigido. Quando capita una capsula un po’ troppo sotto pressione, si fa fatica ad abbassare questo sportellino e c’è la paura di romperlo.

Lo sportello di plastica aziona la leva interna che è di metallo.

Però la forza alla fine la eserciti sulla plastica… Dal nostro punto di vista è un modo per scoraggiare l’uso di capsule compatibili. Mooolto raramente è la capsula originale a fare resistenza, mentre con le compatibili succede più spesso. È con le compatibili che piglia la paura di far danno. Perché le compatibili oppongono resistenza? Perché hanno una tensione diversa, una pellicola un po’ più spessa.

La forza esercitata dalla leva serve a forare la capsula con l’unico ago, bello grosso, presente.

Il sistema Dolce Gusto, infatti, non prevede fori multipli in entrata e uscita ma uno solo in entrata, per l’acqua. In uscita non servono fori perché ogni capsula ha un erogatore ed è la pressione e far uscire i liquidi.

Vedete il cerchietto marrone con l’erogatore nero al centro, è tutta capsula. Di fatto non avremo mai un erogatore incrostato né intasato. Dal punto di vista igienico è una soluzione perfetta.

Riparabilità

La nostra Genio è nuova e non l’abbiamo smontata. Speriamo di non doverlo fare mai. Storicamente le macchinette Dolce Gusto Nescafé non intralciano le riparazioni e, com’è semplice verificare con ricerche su Youtube, tutte le componenti sono facilmente accessibili una volta rimossa la scocca.

Il fatto poi che la pompa sia di 15 bar, in controtendenza rispetto a quelle da 20 bar che stanno adottando tutte, potrebbe essere un segno di ricerca di affidabilità. Di maggiore resistenza. Erogare 300 ml non è come erogare 50ml, ci sarebbero potuti essere problemi di surriscaldamento. Ma queste sono ipotesi nostre, magari l’hanno fatto perché a 20 bar avrebbe sparato il latte solubile sulla luna.

In concreto resta una macchinetta abbastanza diffusa da rendere reperibili i pezzi, facilmente ispezionabile, e che lascia buone speranze per le riparazioni fai da te.

Se in futuro occorreranno riparazioni, aggiorneremo la recensione, come abbiamo sempre fatto con tutte le macchinette.

Genio S vs Genio S Plus vs Genio S Touch

Le differenze tra la Genio S Plus e le altre Dolce Gusto Genio sono marginali. Il problema è che i dati riportati sulle schede tecniche del sito Dolce Gusto Nescafé sono tutti sbagliati.

Le dimensioni giuste sono quelle riportate sul manuale, identiche agli altri due modelli. Compresa la grandezza del serbatoio, che è 0,8 litri.

genio s plus
(dal manuale)

Quindi cosa cambia? In tutti e tre i modelli l’erogazione si arresta automaticamente alla quantità impostata. Per anni abbiamo scansato le macchinette Dolce Gusto proprio perché l’erogazione era manuale e bastava mezzo secondo di distrazione per avere un prodotto annacquato.

Il modello Touch non ha l’anello girevole ma esclusivamente comandi touch. A noi è sembrato più affidabile l’anello.

L’altra ragione che ci ha spinti alla Genio S Plus è la funzione espresso boost, e più avanti vedremo se serve effettivamente a qualcosa.

In sintesi:

Genio S – anello girevole
Genio S Plus – anello girevole e boost
Genio Touch – boost

Prestazioni Dolce Gusto Genio S Plus

Il sistema Dolce Gusto è appositamente studiato per le bevande, tutte le bevande. L’erogazione minima è 35 ml, 1 tacca, fino ad arrivare ai 300 ml delle 7 tacche + XL. Può anche erogare soltanto acqua calda, senza problemi né alcun tipo di limitazione.

Su ogni capsula è indicata la quantità di liquido consigliata. Per le bevande da 4 tacche in poi solitamente è meglio erogare una tacca in meno, perché la bevanda esce più corposa.

Temperature

(dal manuale)

Oltre alla quantità è possibile selezionare anche la temperatura dell’acqua. Lucina azzurra è temperatura ambiente, poi gialla, arancio e infine rosso che corrisponde bollente. Non abbiamo i dati sui gradi né un termometro affidabile. In linea di massima: giallo è poco poco caldo, arancio è tiepido e rosso scotta.

Il giallo è comodo d’inverno, quando l’acqua tende a essere troppo fredda a temperatura ambiente. Col giallo è calda il giusto per una bustina solubile e una manna per chi soffre di denti sensibili.

Le bevande solubili in capsula (es. il latte) vanno erogate ad arancio o rosso. Non inferiore perché altrimenti il grosso resta dentro la capsula.

Con i caffè torrefatti e il tè in bustina è d’obbligo il rosso.

Rumorosità

Da sempre diamo un’importanza fondamentale a questo fattore per non disturbare conviventi e vicini d’appartamento. Ancora più importante è nel caso delle Dolce Gusto, perché le tocca erogare quantitativi abbondanti rispetto alla tazzina.

Nel complesso è una macchina poco rumorosa con un’erogazione molto veloce: dalla ventina di secondi per l’espresso a meno di un minuto per la tazza grande. Il fastidio arrecato è obiettivamente marginale anche di notte.

Schizzo boost

Le macchinette Dolce Gusto sporcano. Sporcano tanto. Non sono assolutamente adatte agli uffici né a chi vuole l’ambiente sempre in ordine. Le gocce finiscono di fronte, ai lati, ovunque.

La causa è la capsula che ha un beccuccio troppo corto e non indirizza sempre bene il liquido erogato. L’adattatore per l’acqua non spruzza, avendo il beccuccio più lungo.

I danni possono in parte essere limitati posizionando il vassoio in alto quando si eroga il caffè.

(dal manuale)

Ma in alto il vassoio traballa per le vibrazioni durante l’erogazione.

Per le bevande non c’è scampo: o si trova un bicchiere alto su misura o lo si regge con la mano.

Tutti al mare!

La Genio S Plus è sprovvista di cestino per le capsule usate. E questo è consequenziale al fatto che sono capsule enormi. Il problema è che restano piene d’acqua e gocciolano. Bisogna per forza aprirle una a una prima di smaltirle.

Come fa il caffè la Dolce Gusto? Espresso Boost!

Il sistema Dolce Gusto, continuiamo a ripeterlo, è pensato per le bevande. Si concentra lì, non sull’espresso. Parliamo di una macchinetta da quasi 100€ e in questa fascia dalle macchinette per il caffè ci si aspetta un espresso migliore.

Da qui a dire che fa roba simile alla moka, come letto e sentito in giro, ce ne passa. Il caffè è buono ed è un espresso, con la sua bella cremina. Cremina, non semplice schiuma. E abbiamo debunkato la cosa con questo video:

Naturalmente la Bialetti Gioia, già recensita, fa solo espresso, è nata per fare quello, ha maggiore pressione (20 bar vs 15) e la crema è più corposa. È un espresso più da bar. La Dolce Gusto fa comunque un espresso molto buono grazie alla famosa funzione espresso boost.

Senza espresso boost il caffè è del tutto simile al caffè doppio preparato con le altre macchinette. Ovvero sempre un po’ annacquato. Causa della cattiva nomea delle macchinette Nescafé.

Cosa fa il boost? Il boost spara prima un po’ di acqua nella capsula, per inumidire il caffè. Inumidire, no inondare. Dopo 10 secondi, quando il macinato è bello umido, rinfrescato, parte l’erogazione.

Finalmente veri caffè lunghi

La macchinetta Dolce Gusto fa dei caffè che le macchinette per espresso non sanno fare: i lunghi. Parliamo di veri, autentici, caffè lunghi. Non della tazza annacquata fatta con 7 grammi di caffè. Le capsulone permettono di contenere molto più di 7 grammi e perciò finalmente potrete provare dei veri caffè lunghi e dei meravigliosi americano, del tutto simili a quelli realizzati con le macchinette apposite, ma senza sbattimenti né lunghe attese.

E le altre bevande?

(dépliant incluso in confezione)

Abbiamo pubblicato un lungo speciale a parte sulle capsule Dolce Gusto.

In estrema sintesi:

  • Le bevande originali sono generalmente buone.
  • Le compatibili pure…
  • basta non fiondarsi su quelle col caffè solubile che sembrano economiche ma in realtà le strapagate e vi esce la roba dei distributori automatici. Spesso non sono nemmeno capsule sotto pressione e vi trovate del solubile stantio che ha preso aria per mesi o anni. L’aria dei centri di stoccaggio, buonissima.
  • Evitare le compatibili con scadenze lunghissime: la scadenza standard è un anno. Se ci mette 2 o 3 anni a scadere è stra-chimica con un bel po’ di golosi conservanti (oltre al solito eau de stockage).
  • Per gli intolleranti al lattosio ci sono i cappuccino vegetali all’avena o alla mandorla. C’era una versione al cocco, estinta.
  • Per i diabetici e quelli a dieta non c’è nessun cappuccino senza zuccheri aggiunti, il latte è sempre zuccherato.

Le bevande buone a base di caffè comprendono due capsule per dose: 1 di latte e una di caffè torrefatto. Se leggete “cappuccino, 16 capsule” significa che sono 8 cappuccini (8 tazze di latte e 8 caffè).

Decalcificazione Dolce Gusto Genio S Plus

Ogni 300 erogazioni si accenderà la spia arancione a indicare la necessità di decalcificare la macchina. L’operazione è estremamente semplice e abbiamo realizzato anche un video.

Bisogna riempire il serbatoio con mezzo litro d’acqua e la relativa dose di prodotto decalcificante che avete acquistato. Deve essere decalcificante per macchinette, non per altre robe. Niente aceto. Niente polveri.

I passaggi:

1. Mezzo litro d’acqua + porzione di decalcificante (no aceto e polverine).
2. Ricordarsi di inserire l’adattatore per l’acqua, altrimenti schizza ovunque.
3. Ruotare anello fino all’icona XL e poi ancora a destra, finché l’icona della decalcificazione inizia a lampeggiare.
4. Avviare premendo sulla tazza.
5. La macchinetta si ferma da sola quando finisce l’acqua.
6. Lavare il serbatoio e riempirlo tutto d’acqua potabile.
7. Avviare di nuovo premendo sulla tazza.
8. La macchinetta si fermerà quando il serbatoio sarà vuoto.

Come intervento aggiuntivo di manutenzione consigliamo di pulire l’ago periodicamente, anche quando non è completamente intasato.

(dal manuale)

Ricordate di pulire il vano del vassoietto con regolarità perché ci sono sempre depositi di quanto fuoriesce dalla capsula quando è bucata.

Usare uno stecchino per le parti più incrostate e poi un cotton fioc inumidito per la pulizia finale. Mai coltelli, taglierini, spatole di ferro, niente che possa grattare la plastica.

Verdetto finale

La volontà iniziale era quella di affiancare una macchinetta per cappuccini e caffè lunghi alla macchinetta classica per espresso. In questo la Genio S Plus è estremamente valida. La quantità di bevande acquistabili è notevole e c’è del buono anche tra la vasta scelta di compatibili.

L’esperienza d’uso è semplice ed è molto divertente adoperarla. Sembra di giocare.

Giocare tra i flutti, perché schizza, sporca e – se non smaltite bene le capsule – annacqua. Per questo non possiamo consigliarla in uffici, studi e altri locali dove è importante la pulizia. Per l’uso domestico, in cucina, va benissimo. Lì con la Dolce Gusto si sporca meno rispetto a preparare un cappuccino alla maniera tradizionale! Un cappuccino con la schiumetta densa nel giro di un minuto. Di che stiamo parlando… ♥_♥

Il prezzo di solito si aggira intorno a 90/100 euro e comprende un codice sconto da 20€ sull’acquisto di capsule sul sito ufficiale. A sensazione il prezzo è un po’ alto ma non vediamo alternative più economiche e, al contempo, comode.

Voto 8/10

Classificazione: 4 su 5.
PROCONTRO
Compatta
Abbastanza silenziosa
Ottimi caffè lunghi e bevande
Pronte in un minuto
Manutenzione semplice
Ampia varietà di capsule…
…non ben distribuite
Niente kit degustazione
Sporca tanto
Smaltimento caps noioso

Di Recensioni Vere

RecensioniVere non è un sito a scopo di lucro, né un volto da intervistare o una comunità da manipolare. È un nobile intento, un virus positivo, un'attitudine che speriamo diventi una tendenza. È Internet come dovrebbe essere: un piccolo passo verso il miglioramento che ciascuno di noi può compiere.

Recensioni Vere