MOBILE
Stai leggendo
Recensione Honor 9 Lite

Dopo l’ennesimo smartphone di fascia media marchiato Huawei, non poteva mancare la proposta della sussidiaria con Honor 9 Lite. Stesso chipset, stessa memoria, stessa EMUI, stessi problemi del P Smart? Scopriamolo insieme!

Prime impressioni

La nostra scelta è caduta sul modello grigio, perché dalle immagini sembrava meno giocattoloso della versione blu. C’è anche nero ma col nero c’aveva già fregati il P Smart. Dal vivo rende meglio che in foto. Che lo si guardi da vicino o da lontano, Honor 9 Lite ha l’aspetto di un top di gamma. Vetro davanti e dietro, l’effetto specchiato già citato, e schermo trendy con rapporto 2:1. Vedendolo ancora più da vicino, notiamo l’assenza della USB-C… E allora top di gamma ma di qualche anno fa! A parte questa assenza, l’estetica è sicuramente uno dei punti forti di questo dispositivo.

Precauzioni

Fare un drop test con un telefono dotato di doppio vetro curvo sarebbe come lanciare una granata nel camino solo per dire che va tenuta al riparo da fonti di calore. È ovvio che qualsiasi caduta, anche dall’altezza di 30 cm, può incrinarlo. Così come non è consigliabile infilarlo nei jeans stretti. Per quanto appaia solido, soltanto un frame in acciaio potrebbe evitare di farlo piegare troppo. E nessun produttore utilizza frame in acciaio, perché è pesante. Sono cose ovvie ma è giusto ogni tanto fare un richiamo alla realtà: se vi piacciono i materiali fragili, avrete a che fare con prodotti fragili. Il vetro si rompe e l’alluminio si graffia già a guardarlo, per chi non vuole pensieri c’è la plastica. Amen.

Display

Il dettaglio di cui invece continuiamo a tener conto è la presenza dei bordi neri attorno al display. Restiamo dell’idea che una cornice più pronunciata sia meno anacronistica del bordo nero. Continua a non piacerci anche la moda del rapporto 2:1, che oltre a creare problemi con molte app li crea anche nella lettura degli articoli online. Per il resto è un ottimo schermo con bianchi che non tendono al bluastro come di solito accade con Huawei/Honor. I neri sono quello che sono, non è un OLED. Nulla di negativo da segnalare, anzi! Raramente vediamo schermi così buoni su telefoni da 200 euro.

Fotocamere

 Honor 9 Lite è dotato di quattro fotocamere, due da 13MP per gli scatti e due da 2MP per la profondità. Al solito, le fotocamere sul retro non sono a filo ma sporgono leggermente. Solita piccola nota che includiamo in questi casi: «Le fotocamere sporgenti non sono una scelta di design. Non è qualcosa che può piacere o non piacere. Significa semplicemente che monta moduli fotografici datati.»

Retro

La qualità delle foto è inferiore agli altri medi di gamma. I colori sono sbiaditi, per nulla reali, tendenti a tonalità calde. Il bilanciamento del bianco è sballato nelle foto al chiuso. Non sappiamo dire se il problema è il modulo, il software o la rifinitura a specchio del retro. Lo scatto è veloce, ma comporta fare delle foto mosse. Per dei buoni risultati, oltre ad avere la mano ferma, serve essere un po’ pazienti: inquadrare, lasciare qualche secondo di tempo al dispositivo per fare i suoi calcoli e infine scattare. Ripetiamo: gli scatti al volo li fa ma il risultato è mosso. Quando la luce inizia a scarseggiare, la qualità delle foto peggiora sensibilmente. Anche l’oggetto o la persona in primo piano, per quanto vicina a una fonte di luce, viene fuori sgranata. Nessuna buona notizia nemmeno sul fronte video e qui dovremmo portarci davvero sul volgare per descriverli. La stabilizzazione non c’è e inserirla non avrebbe spostato di un millimetro il giudizio negativo verso questa fotocamera.

Frontale

Sul fronte selfie i risultati sono del tutto diversi. Resta il problema che gli scatti al volo vengono male, però abbiamo immagini nitide e molto accurate. L’affiancamento della 2MP non è cosmetico ma davvero funzionale. Nei bokeh il “taglio” è preciso anche quando le tonalità dello sfondo sono vicine a quelle del soggetto inquadrato. La differenza rispetto alla camera sul retro non sappiamo se sia dovuta al modo diverso in cui il software le gestisce o se siano effettivamente moduli del tutto diversi. Fatto sta che i selfie sono ottimi e anche i video sono accettabili. Manca il flash, simulato dalla luce dello schermo.

Audio e chiamate

È mono. Il vivavoce è bello forte, il suono è chiaro ma c’è una altrettanto chiara sfumatura metallica. In dotazione non ci sono auricolari. L’audio in cuffia è molto buono, in linea con quello che ci si aspetta da un telefono. La ricezione è ottima, si passa da una cella all’altra senza perdite di segnale e la voce dell’interlocutore è costante.

Batteria

In giornata tipo con navigazione, chiamate, qualche video e messaggistica si arriva a sera. Non a tarda sera ma a sera. Per potervi fare un’idea: 5 ore e mezza di schermo acceso con luminosità al 60%. Per ricaricarsi impiega poco più di due ore (niente ricarica rapida).

Prestazioni

Honor 9 Lite non è uno smartphone da gioco. Il solito Asphalt 8 scatta e scalda tantissimo. Per il resto è un telefono molto reattivo e a tratti sorprendente. Non bisogna aspettarsi di poter aprire 10 app e poi non avere problemi di lag aprendo una notifica. Non ci sono miracoli. Si comporta bene, molto meglio del P Smart. Ogni tanto ha dei colpi di singhiozzo, del tutto ingiustificati. Nel senso che possiamo passare 2 ore a stuzzicarlo giocando con qualche app o vedendo video su Youtube, senza problemi. Poi magari andiamo a regolare qualche settaggio o rispondiamo a un messaggio su Telegram e arriva il colpo di singhiozzo a tradimento. L’EMUI 8.0 e tutto il bloatware installato restano la solita zavorra di  Huawei/Honor.

Prezzo

230 euro, a nostro avviso, restano tantini per l’Honor 9 Lite. Un dispositivo con queste prestazioni complessive e una fotocamera mediocre dovrebbe costare 170 euro. Poi fate voi quanto siete disposti ad aggiungere per una buona fotocamera frontale e il premium look.

Update: È arrivato anche su Amazon, per ora prezzo pieno 229.

Dettagli
Specifiche Tecniche

Schermo 5,65" 2160x1080p 428PPI
Processore Huawei Kirin 659
Ram 3GB
Spazio 32GB
Doppia fotocamera 13+2MP
Batteria 3000 mAh
151mm x 71.9mm x 7.6mm
149g

Piace

Look
Fotocamera anteriore
Display

Non Piace

Bordi neri
Niente Wifi dual band
Fotocamera posteriore
Prestazioni a singhiozzo

Giudizio
Voto
Qualità
75%
Prestazioni
71%
Caratteristiche
69%
Usabilità
77%
Estetica
90%
Sintesi

Nel confronto diretto contro P smart, l'Honor 9 Lite vince a mani basse. Quando invece ci troviamo a confrontarlo con altri dispositivi sui 230/250 euro, la musica già cambia. Dove non ha praticamente rivali è l'estetica da top di gamma. Chiunque veda questo telefono per la prima volta lo paragona a modelli (molto) più costosi. Potrebbe dunque essere un buon telefono di rappresentanza. Un'ottima scelta anche per chi adora i selfie e non ha voglia di comprare modelli, più performanti lato fotocamera, usciti però uno o due anni fa.

75%
Voto
Hai votato
Reazioni
Felice
48%
Sorpreso
22%
Incerto
9%
Triste
4%
Arrabbiato
0%
Mio!
17%