HARDWARE
Stai leggendo
NVIDIA GeForce GTX 465
Articolo

NVIDIA GeForce GTX 465 C’è del marcio in California. Ed è in California, a Santa Clara, che ha sede il quartier generale di Nvidia, società da tutti conosciuta negli ultimi dieci anni, cioè dalle Riva e dall’acquisizione della 3dfx. Negli ultimi anni però Nvidia non riscuote più il successo di un tempo, non tanto per le prestazioni delle sue schede quanto per il rapporto qualità/prezzo offerto. La GeForce GTX465, appena immessa sul mercato, riuscirà ad offrire un miglior compromesso?

Iniziamo col dire che stiamo parlando di una scheda video di fascia media, cioè dedicata a chi vuole giocare in tutta tranquillità almeno per un paio di anni, chiedendo buone prestazioni ma senza pretendere il massimo. Di conseguenza, il sistema utilizzato per testare la GTX465 è un sistema anch’esso di fascia media.

Bundle e confezione cambiano di marca in marca, per cui salteremo questa parte. C’è da dire che, almeno tra i bundle visti in questi giorni, nessuno si è degnato di inserire un gioco decente, così come pochi hanno provveduto alla sostituzione del dissipatore fornito dalla casa madre. Tempo fa si sceglieva una marca piuttosto che un’altra proprio in base al bundle ed a qualche caratteristica (più ram, miglior dissipatore, overclock, etc.), oggi invece molti si limitano al ruolo di distributore, lasciando che siano confezione e prezzo a guidarvi nella scelta.

Nvidia continua a fornire dissipatori inadeguati per le sue schede ed è questo un “particolare” di cui bisognerà tener conto quando si andrà a scegliere il brand. La GTX 465 scalda molto, cosa che fa ovviamente girare la ventola al massimo e questa è estremamente rumorosa. Chi ci segue conosce l’importanza che diamo alla silenziosità dei componenti ed all’interno del nostro sistema utilizzato per il test, l’unica ventola che si sentiva era proprio quella della 465. Quindi, qualora decidiate di acquistare questa scheda, nel confronto prezzi/brand mettete in conto che il dissipatore originale andrà sostituito.

I consumi sono anch’essi alti, come per tutte le VGA di fascia media e alta, anche se le schede Nvidia tendono a mangiucchiare una decina di watt in più. In full-load si arriva a quasi 300W, non risparmiate sull’ali! 🙂

Prestazioni: quanto valgono 5 o 10 fps in più? Perché questo è il distacco tra la GTX 465 e le principali rivali. Un distacco che, a seconda del gioco, a volte vede vincere la GTX ed altre le rivali. Rispetto a queste, la GTX 465 soffre molto le alte risoluzioni (da 1920×1200 in su) e non è da escludere lo zampino del surriscaldamento eccessivo in questo calo. Tant’è che dopo ore di gioco le prestazioni scendono rispetto ai test eseguiti sul sistema acceso da poco.

A trainare la GTX 465 sono: Cuda, 3D Vision, Physx e supporto per le DX11. Tutte tecnologie sfruttate, al momento, molto poco e che quando saranno sfruttate a pieno vedranno nella GTX 465 quasi un pezzo da museo. Basti pensare che Physx è presente ormai da 4 anni e CUDA da 3 anni, intanto ne sono passate di VGA sotto i ponti…

Con un prezzo che in Italia varia tra i 260 ed i 350€ (!!!), non c’è nulla che possa portarci a consigliare l’acquisto di questa scheda. Che fine ha fatto la vecchia Nvidia?

Reazioni
Felice
0%
Sorpreso
0%
Incerto
0%
Triste
0%
Arrabbiato
0%
Mio!
0%